Discende da una famiglia di scultori carraresi che ha il suo illustre capostipite in Benedetto Cacciatori (1794-1871), insegnante all'Accademia di Brera ed artista di Casa Savoia oltre che autore delle sculture dell'Arco della Pace e delle statue dei Santi del Duomo, a Milano. Nasce nel 1937 a Pietrasanta. Si diploma alla Scuola d'Arte locale avvalendosi, fra l'altro, del prezioso insegnamento del prof. Leone Tommasi. In seguito ottiene il diploma di Maestro d'Arte all'Istituto Statale d'Arte di Massa Carrara dove approfondisce lo studio del modellato sotto la guida di scultori quali Riccardo Rossi e Carlo Sergio Signori. In questi anni consegue risultati di prestigio che gli valgono significativi riconoscimenti fra i quali emerge un ambito premio del Rotary Club International. Nel 1958 si iscrive all'Accademia di Belle Arti di Firenze, corso di scultura. Lì opera al fianco di Antonio Berti, confrontandosi con numerosi artisti italiani e stranieri. E' di questo periodo il secondo premio alla Mostra Internazionale di Scultura indetta dal Giornale d'Italia ( Roma, Palazzo delle Esposizioni ). Riceve, quindi, un premio-acquisto alla Mostra Nazionale "Mastro Giorgio" di Gubbio e partecipa poi a numerose collettive in Italia ed all'estero. Diplomatosi a pieni voti all'Accademia fiorentina nel 1962, procede allo studio grafico delle dodici grandi statue in marmo di Carrara dei Santi Apostoli per l' "Hollywood Cemetery Park" di Hollywood, California. Seguono numerosi incarichi relativi ad opere da collocare in svariate chiese negli Stati Uniti,in Canada, in Honduras ed in Messico. Prosegue, intanto, intensamente, l'attività grafica e scultorea gratificato da lusinghieri successi anche di critica. Nel 1963 ottiene la cattedra di Decorazione Plastica e, in seguito, quella di Progettazione e quella di Disegno Professionale. Nel 1968 diverse sue sculture vengono poste nel celeberrimo "Cimitero Monumentale" di Staglieno a Genova. L'anno successivo, nell'ambito di una cerimonia ufficiale, riceve dal Sindaco del Comune di Pietrasanta la "medaglia d'oro destinata agli scultori di fama mondiale operanti in Versilia". Premio che, nella medesima occasione viene assegnato ad altri artisti fra cui Thomas Mc Glynn, Jacques Lipschitz, Bruno Lucchesi, Franco Miozzo, Rosario Murabito, Marcello Tommasi. Il grande fregio in marmo bianco di Carrara raffigurante la "Vita di Gesù Cristo" e destinato alla Tomba di Padre Pio da Pietrelcina ( nella Chiesa di Santa Maria delle Grazie a San Giovanni Rotondo ) viene scolpito sotto la sua direzione artistica. Nel 1970 è invitato, fuori concorso, alla "Prima Biennale Internazionale d'Arte Sacra Padre Pio" di San Giovanni Rotondo. Gli anni che seguono lo vedono impegnato nella esecuzione di opere a carattere sacro per conto di alcune fra le più importanti fonderie italiane ed estere. Di assoluto rilievo, inoltre, la nutrita serie di medaglie commemorative che lo pongono in primo piano per la suggestiva originalità che caratterizza questa branca del suo operare. Incessante, inoltre, è la produzione di opere grafiche che trovano sempre di più spazio ed attenzione nell'ambito di periodici e pubblicazioni altamente qualificate.

Vive e lavora a Pietrasanta, capoluogo della Versilia storica, all'ombra delle Alpi Apuane da cui Michelangelo traeva lo "statuario" per dare corpo e vita ai suoi capolavori.

R.B.

Carlo Cacciatori is descendent from a sculptures's family, who lived in Carrara and numbered among its ancestors, the famous Benedetto Cacciatori (1794 - 1871) - teacher at Bra Academy, engaged as artist by the Savoy Family, author of a work about "the Arch of Peace" and the statues of Saints of the Cathedral in Milan. Born in Pietrasanta, Lucca, in 1937. He got a diploma at the school of Arts in Pietrasanta thanks the precious teaching of Leone Tommasi. After the diploma of "Master of Art" at the State Art's Institute in Massa Carrara, he studied modelling under the guide of scupltures such as Riccardo Rossi and Carlo Sergio Signori. During these years, thanks the precious results, he won a famous Rotary Club International Prize, and many other recognitions. In 1958 he entered the Fine Arts Academy in Florence, in order to improve his sculpturing art, he worked with Antonio Berti and measured his art with that of many others italians and foreign artists. During that year he won the 2° price at the international art exhibition, organized by "il Giornale d'Italia" (Roma, Palazzo Esposizioni). He was awarded by the National Exhibition "Mastro Giorgio" in Gubbio and then took part in several shows in Italy and abroad. Graduating with all marks from the Arts Academy in Florence in 1962, he started in a graphic study of the twelve big marble statues of the Apostles in Carrara for the "Hollywood Cemetery Park" (California). Then followed several appointments for the placing of some sculptures in churches in U.S.A, Canada Honduras and Mexico. Critics prizes him for his graphic and sculptural art. In 1963 he became teacher of plastic art and professional design planning. In 1968 some of his sculptures were exposed in the famous monumental cemetery in Staglieno, Genoa. The following year, during a public ceremony the world-wide well-known artists working in Versilia, such as Thomas Mc Glynn, Jacques Lipschitz, Bruno Lucchesi, Franco Miozzo, Rosario Murabito and Marcello Tommasi and him were awarded prizes with a gold medal by the mayor of Pietrasanta. Under his direction was realized the big frieze in white marble of Carrara, representing "the Life of Christ" destinated to the Crypt of Padre Pio of Petralcina (Church of "S.Maria delle Grazie" in S.Giovanni Rotondo). In 1970 he was invited - as a guest - to the first International Biennal Exhibition of Sacred Art in S.Giovanni Rotondo. In the following years he became the most required sculptor  of sacred art by the most important italian and foreign foundry. Other prestigious works are the many commemorative medals that he realised with originality. Never-ending is his personal production that catch the graphic growing interest of the most important arts publications.

Carlo Cacciatori lives and works in Pietrasanta, countrytown of Versilia, in the shade of the Apuan Alps from whom Michelangelo Buonarroti got the beautiful "statuario marble".

R.B.